UK, meno case più debito

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://valori.it/immagini_articoli/201311/casa_vittoriana.jpg

Non si arresta la spirale di crescita del mercato immobiliare britannico. Nel mese di aprile le banche del Regno Unito hanno concesso mutui per una cifra complessiva di 12,2 miliardi di sterline, l’ammontare mensile più alto da sei anni a questa parte che fa segnare al tempo stesso una crescita superiore al 50% rispetto all’aprile 2013. Lo riferisce il Guardian citando i dati della British Bankers Association. Il dato impressiona ma va comunque letto nel dettaglio.

A far salire la cifra, infatti, non è il numero dei prestiti concessi quanto l’ammontare medio dei medesimi e la risalita del prezzo degli immobili. I mutui approvati ad aprile, nota infatti il Guardian, sono stati 71.200 circa contro i quasi 75 mila di marzo e i 76.800 fatti registrare dalla media mensile degli ultimi 6 mesi. L’ammontare medio del prestito è salito, nello spazio di un semestre, da 159 mila a 164.500 sterline. Come a dire, meno acquirenti e prezzi delle case in crescita.
Nel Regno Unito sono da poco entrate in vigore le nuove regole per la concessione dei mutui elaborate dalla Financial Conduct Authority (FCA) che impongono alle banche una valutazione più severa dei requisiti del debitore. Secondo Howard Archer, capo economista per il Regno Unito di IHS Global Insight, interpellato dal Guardian, il trend di crescita dei prezzi delle case non dovrebbe risentire delle nuove regole. “È più probabile che i prezzi vadano incontro a forti aumenti nel corso dei prossimi mesi” ha spiegato.
Fonte: www.valori.it
Matteo Cavallito    @ cavallito@valori.it

 

Commenta il post