Rinnovabili, i pannelli cinesi convengono davvero?

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://www.valori.it/immagini_articoli/201105/solare.jpg
È impossibile negare il fatto che sia indispensabile puntare sulle energie pulite. Ma è impossibile anche trascurare l'impronta ecologica della produzione dei pannelli solari. Un problema che diventa di primo piano soprattutto per i più economici pannelli cinesi. È quanto evidenzia una ricerca condotta dalla Northwestern University e dall'Argonne National Laboratory del Dipartimento statunitense dell'energia.
La costruzione di pannelli solari, spiega infattiBusinessweek che riporta la notizia, deve seguire precisi accorgimenti. A partire dall'estrazione dellematerie prime, passando per il trattamento chimico necessario per purificare il silicio, fino all'assemblaggio delle celle. Le cose cambiano molto, infatti, quando si riescono a smaltire correttamente le sostanze chimiche impiegate. E quando gli impianti sono efficienti a livello energetico e sono alimentati a loro volta da fonti rinnovabili.
Prendendo in analisi tutti questi elementi, i ricercatori arrivano a dire che «l’impronta ecologicadi un pannello fabbricato in Cina e usato in Europa è doppia rispetto a quella di un pannello installato in Europa e prodotto localmente». Ciò significa, continua il co-autore del rapporto Fengqi You, che «spostare la produzione dei pannelli dall'Europa ala Cina potrebbe sembrare un'opzione economicamente attraente, ma è meno sostenibile dal punto di vista ambientale». Il divario, comunque, sarà destinato ad appianarsi col tempo, grazie ai graduali progressi della regolamentazione ambientale cinese.  

Fonte: www.valori.it
Valentina Neri    @ neri@valori.it

Commenta il post