Rapporto IPCC: la salvezza del Pianeta è nei mercati finanziari

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://www.valori.it/immagini_articoli/201309/ipcc.jpgDalla estrema finanziarizzazione dell’economia – spesso in senso speculativo – derivano molte distorsioni dei mercati che favoriscono l’aumento delle emissioni di gas serra. Eppure proprio da qui, secondo il presidente del gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) Rajenda Pachauri, intervistato dal quotidiano britannico The Indipendent, deve venire una inversione di rotta. Una inversione rapida e decisa e non più rimandabile, dal momento che proprio l’ultimo rapporto IPCC, da poco pubblicato, avrebbe fornito la prova «inequivocabile» che dal 1950 a oggi l'atmosfera e gli oceani hanno subito un riscaldamento, e che gli scienziati sono ormai convinti al «95 per cento» che gli esseri umani ne siano stati la «causa dominante».

 

Il rapporto IPCC certifica infatti che molti dei cambiamenti climatici osservati sono senza precedenti nell’arco degli ultimi 1000 anni e che, a meno di azioni estreme per ridurre le emissioni, il riscaldamento globale rischia di superare 2 gradi centigradi entro la fine di questo secolo. Una eventualità che produrrebbe l’ulteriore intensificarsi di fenomeni climatici già largamente in atto su scala globale, come la riduzione delle quantità di neve e ghiaccio, l’aumento del livello medio del mare, le concentrazioni di gas climalteranti.

 

Solo un sufficiente innalzamento del prezzo delle emissioni di CO2 potrà costringere le società elettriche e gli impianti produttivi ai ridurre l'uso di combustibili fossili, ed «è solo attraverso il mercato che si può ottenere una grande risposta e sufficientemente rapida». Non a caso Pachauri, che il 24 settembre – 3 giorni prima della presentazione del rapporto 2013 – ha annunciato le sue dimissioni dopo 11 anni alla presidenza IPCC, ricorda che come il suo istituto stia proprio mettendo a punto dei nuovi "meccanismi" attraverso cui il mercato potrebbe essere utilizzato per ridurre le emissioni di carbonio. 

Fonte: www.valori.it
Corrado Fontana    @ fontana@valori.it

Commenta il post