Prestiti a rischio, due fondi americani denunciano le agenzie di rating

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://www.valori.it/immagini_articoli/201207/agenzie-rating-258.jpgI liquidatori di due fondi di investimento appartenuti alla banca americana Bear Stearns, rilevata nel 2008 da JPMorgan Chase, hanno presentato ieri una denuncia contro le tre più importanti agenzie di rating del mondo: Standard and Poor's, Moody's e Fitch. 

I fondi erano stati concepiti per investire in prodotti non a rischio, e per questo i liquidatori puntano il dito contro i giudizi lusinghieri che le agenzie avevano concesso ad alcuni prodotti. Un vero e proprio «castello di carte», accusano i due, creato ad arte al fine di mantenere un mercato lucrativo nel settore del rating. Per i fondi, insomma, le agenzie erano coscienti del fatto che i criteri utilizzati non sarebbero stati in grado di giudicare in modo corretto gli asset. 

Da parte loro, S&P, Moody’s e Fitch affermano che le valutazioni da loro emesse sono indipendenti e oggettive, essendo il risultato di analisi rigorose. Argomentazioni che dovranno dirimere a questo punto i giudici. A questi ultimi, inoltre, spetta anche una decisione sulla richiesta di risarcimento da parte dei liquidatori, che ammonta a 1 miliardo di dollari.

Non si tratta della prima domanda di rimborso a carico della agenzie di rating: a S&P il dipartimento di Giustizia degli Usa ha chiesto 5 miliardi di dollari a nome degli investitori che sono stati fuorviati dai giudizi errati emessi su alcuni prodotti finanziari prima della crisi del 2008. 

 

Fonte: www.valori.it

Andrea Barolini    @ barolini@valori.it

Commenta il post