Cina, vuota 1 casa su 5

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://www.valori.it/immagini_articoli/201103/china.jpgNel corso del 2013 il 22,4% delle abitazioni cinesisituate nelle aree urbane è risultata disabitata. Lo segnala uno studio congiunto della China's Southwestern University of Finance and Economics ripreso dalla stampa internazionale. In termini aritmetici fa circa 49 milioni di abitazioni che segnano un’ulteriore crescita del fenomeno con il tasso di vacancy aumentato di 1,8 punti percentuali rispetto al 2011. I dati insomma preoccupano perché evidenziano un altro sintomo della conclamata bolla immobiliare locale i cui effetti, forse, non si sono ancora manifestati in tutta la loro forza.

Nel mirino dei ricercatori, in particolare, ci sono le case costruite dal governo per favorire l’accesso all’abitazione da parte dei cittadini di reddito medio-basso. Per questa categoria, rileva il rapporto ripreso dal quotidiano Shanghai Daily, il tasso sale al 23,3% evidenziando “uno spreco di risorse pubbliche”. In Cina, la quota di popolazione urbana proprietaria di case si attesta all’87%. Quella dei proprietari di almeno due abitazioni era pari al 18,6% nel 2013 ma la percentuale è salita al 21% nel primo trimestre del 2014. “Analisti ed investitori hanno espresso perplessità sull’ampia sfilza di appartamenti vuoti presenti in quasi tutte le città cinesi come risultato del rapido sviluppo alimentato dal credito facile e dal desiderio di crescita delle autorità di governo” evidenzia il Wall Street Journal. Per molti anni, nota ancora il quotidiano statunitense, l’aumento dei prezzi delle case ha favorito gli investimenti nel mercato immobiliare cinese ma la spinta sembra ora essersi arrestata e il mercato ha iniziato a dare segnali di stagnazione dalla fine del 2013.

Fonte: www.valori.it

Commenta il post