Cina: lo smog spaventa i manager stranieri

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

http://italian.irib.ir/media/k2/items/cache/78f00953d94e4683b8e3274b2317da06_L.jpg
A causa del forte smog in Cina, diventa sempre più difficile convincere i dirigenti delle compagnie straniere a lavorare nel paese.

Secondo l'ultimo rapporto della Camera Americana di Commercio in Cina, circa il 48 per cento delle 365 imprese straniere che hanno risposto al sondaggio annuale della Camera – che raggruppa le aziende attive nelle città del nord del paese – sostiene che le preoccupazioni sulla qualità dell'aria stanno allontanando i manager.

L'inquinamento è "un ostacolo nel reclutare e trattenere gli esecutivi", si afferma nello studio. Il dato relativo al 2014 è allarmante: quattro anni prima, nel 2010, solo il 19 per cento delle imprese intervistate sosteneva che lo smog fosse un problema reale per attirare i dirigenti.

Tuttavia, è il declino della crescita economica in Cina il principale rischio per le aziende, secondo il rapporto.

I dirigenti stranieri si lamentano dell'inquinamento in Cina e dell'impatto che questo sta avendo sulla loro salute. In molti hanno lasciato il paese negli ultimi anni.

La stragrande maggioranza delle città cinesi monitorate non hanno raggiunto gli obiettivi di riduzione dell'inquinamento fissati per lo scorso anno. Ed è nel nord della Cina – che ospita la maggior parte della produzione di carbone, acciaio e metallo – che si registrano i livelli più alti di contaminazione.

Il primo ministro Li Keqiang ha dichiarato guerra all'inquinamento all'apertura delle sessione annuale del parlamento questo mese. Pechino si è inoltre impegnata, domenica, a soddisfare i "requisiti nazionali di inquinamento" nel 60 per cento delle città entro il 2020.

 

Commenta il post