Wall Street: seduta noiosa

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

Wall Street: seduta noiosa

Nuovo massimo storico per lo S&P500

Particolarmente brillante il comparto bancario con JPM , GS e MS. In calo Intel. Sul Nasdaq massimi assoluti per Gilead Sciences e Tesla Motors.

Salgono ancora tutti gli indici della Borsa americana, lo S&P500 ritocca nuovamente il proprio massimo storico, ma la seduta è risultata sostanzialmente noiosa.

Dopo pochissimi minuti di contrattazione, infatti, il Dow Jones si trovava in area 17.080 punti e su quel livello è andato a chiudere dopo aver avuto oscillazioni minime.

I listini non hanno neppure risentito dell’unico dato macro della giornata risultato negativo, le vendite di nuove case sono risultate in calo del 2,4% a 412.000 unità.

Il cambio euro/dollaro tornato sotto quota 1,32 come un anno fa, è visto da molti a breve sotto la quota di 1,3 visto che le due Banche Centrali si troveranno a prendere decisioni diverse riguardo ai tassi.

In calo anche il prezzo del petrolio nonostante una situazione geopolitica a dir poco incandescente, ma l’offerta rimane molto sostenuta e soprattutto l’apprezzamento del dollaro contribuisce a far scendere i prezzi petroliferi (denominati appunto nella banconota verde).

Dow Jones (+0,45%) in evidenza i titoli del comparto bancario JP Morgan (+1,45%), Goldman Sachs (+1,37%), quindi Verizon (+1,05%)

Pochi e di lieve entità i ribassi con Intel (-0,37%), Walt Disney (-0,12%) e Wal-Mart (-0,05%).

S&P500 (+0,48%) svetta anche qui un titolo del comparto bancario, Morgan Stanley (+2,18%), a seguire Anadarko Petroleum (+2,03%) quindi Pepsico (+1,74%)

Maglia nera per Walgreen (-0,43%), in calo anche Google Class C (-0,41%) e 21st Century Fox Class A (-0,36%).

Nasdaq (+0,41%) svetta Illumina (+3,44%), ma senza dubbio il titolo di giornata è ancora una volta il biotecnologico Gilead Sciences (+3,36%) per il quale da tempo abbiamo esaurito gli aggettivi, oggi ha superato anche quota 107 dollari, quindi Tesla Motors (+2,25%), ed anche in questo caso siamo al record storico.

In fondo alla classifica odierna Xilinx (-1,39%), Texas Instruments (-1,35%) ed Analog Devices (-1,09%).

Giancarlo Marcotti

Commenta il post