IL PRINCIPE DELLE MONETE (CAPITOLO 1) di Michele Signa

Pubblicato il da borsaforextradingfinanza

Una favola per adulti

La crisi economica spiegata al cittadino che nulla sa di economia e finanza e il ruolo nefasto giocato dall’Euro, dall’Unione Europea e dal Professore

CAPITOLO 1

C’era una volta, tanto tempo fa, un Principe che viveva in un magnifico castello costruito su una collina ai margini di un grande lago. Dalle finestre si poteva ammirare la vallata lussureggiante tutta intorno, estesa fino a confondersi in lontananza con la linea frastagliata dell’orizzonte.
Il Principe, ai pochi sudditi cui era concesso il privilegio di vederlo, appariva sempre giovane e bello, come nei primi anni del regno. Amava indossare abiti informali, discreti, forse inadeguati al suo rango, tuniche di pura seta coperte da mantelli ornati di zibellino e fregi in oro zecchino, sul capo una semplice corona tempestata di smeraldi.
Non tollerava l’inutile ostentazione.
Regnava su tutte le terre che andavano dalle montagne fino al mare. Tutte le case, i poderi, ogni cosa, fino a perdita d’occhio, erano sue. Aveva potere di vita e di morte sui sudditi e, magnanimo, gli concedeva di vivere dignitosamente, donandogli il cinque per cento dei frutti del loro lavoro. Pensate, ogni suddito lavorava non meno di quindici ore al giorno tutti i giorni della settimana e, se godeva di buona salute ed evitava di morire troppo giovane, aveva di che mantenere dignitosamente la propria famiglia. Anche ai fanciulli, del resto, concedeva di lavorare fin da piccoli, e per ricompensa tutte le sere li aspettava un ricco piatto di minestra calda e un tozzo di pane. Un difetto del Principe era senz’altro l’innata bontà d’animo verso i sudditi. Con riluttanza li mandava a morte quando, uno o due volte l’anno, era tradizione impiccarne qualcuno con un pretesto, solo per ricordare a tutti chi fosse il Padrone.
La vita nel castello scorreva tranquilla. A volte esaltante, in occasione delle feste e dei balli sfarzosi, altre noiosa, quando gli impegni di governo si facevano pressanti. Il Principe si era sposato, ancora adolescente, con una giovinetta di buona famiglia entrata nelle grazie dei suoi genitori. Ella, per combinazione, era anche la figlia primogenita della più ricca famiglia di imprenditori del regno, attivi in molti campi ma sopratutto in quello dell’acciaio e delle materie prime.
Il matrimonio era stato allietato dalla nascita di due figli, un maschio e una femmina, divenuti da subito, al di là delle ricchezze e del potere, il vero tesoro di mamma e papà.
Col passare del tempo e i sopraggiunti impegni di governo, all’indomani della scomparsa del padre, il Principe non poteva concedere molto tempo alla consorte e alla prole. Gran parte della giornata doveva dedicarla a noiose faccende amministrative in compagnia del suo collaboratore più fidato, il Gran Ciambellano.
Costui proveniva da una modesta famiglia di contabili e si era costruito una luminosa carriera grazie alla brillante intelligenza, all’enorme preparazione e all’assoluta fedeltà al suo Signore e Padrone.
In breve era divenuto il consigliere più influente, distinguendosi per astuzia e ingegno. A lui il Principe riservava attenzioni particolari e ne ascoltava sempre le opinioni e i suggerimenti, affidandogli i compiti più delicati e riservati.
Una mattina di primavera il Principe e il Gran Ciambellano si trovavano, come accadeva spesso, sulla terrazza principale del castello. Da lì si potevano ammirare il lago, dalla superficie specchiata, su cui si riflettevano le chiome degli alberi, le colline, dai colori cangianti secondo i capricci del sole, il fiume, illuminato dai riflessi argentati, che attraversava con movimenti sinuosi la vallata.
Il maggiordomo stava servendo il tè mentre il sole scaldava, con i primi, delicati raggi del mattino, le pareti del castello;

- mi dica Gran Ciambellano, mio fedele amico, perché tarda a riferirmi dei disordini scoppiati in alcune città del regno?
- Maestà, sono piccolezze. Non volevo turbarla con spiacevoli problemucci di ordine pubblico.
- Questo lo lasci giudicare a me e mi dica tutto quello che sa!
- Nulla Padrone, solo un gruppo di ragazzi che fanno baldoria. Hanno scoperto di essere capaci di pensare!
- Davvero? Sono certi di sentirsi bene?
- Sì, Signore! Dicono di avere avuto un’illuminazione e perciò si fanno chiamare “Illuministi”!
- Illuministi? Bel nome mi piace. Dà l’idea della luce, della pulizia. E cosa dicono? Che bisogno hanno di fare tanto chiasso?
- Dicono che tutti gli uomini nascono uguali, liberi e con gli stessi diritti. Sono molto entusiasti di questa scoperta, perciò creano tanto scompiglio.
- Divertente; è tipico dei giovani sognare le cose più assurde.

Commentò sorridendo il Principe;
- Infatti, Signore. Cosa vuole che faccia?
- Li faccia uccidere tutti! Potrebbero crederci sul serio a queste fantasie e finire per farsi del male!
- Bene Padrone sarà fatto.

Il Principe apprezzava molto la capacità del Gran Ciambellano di adeguarsi istantaneamente ai suoi desideri, qualunque fosse stata la sua opinione fino a quel momento. Del resto, il fedele suddito, non aveva ragione alcuna per contraddire il suo Signore. Un Padrone si sceglie e si ama per sempre. Perlomeno fino a quando non si decide di servirne un altro, ma con la stessa identica dedizione e fedeltà.

http://memmt.info/site/il-principe-delle-monete-115/

IL PRINCIPE DELLE MONETE (CAPITOLO 1) di Michele Signa

Commenta il post